Come aggiornare un plugin WordPress

Ecco perchè è sempre importante aggiornare i plugin di Wordpress

Utilizzare WordPress per creare e gestire siti web è un vantaggio non da poco, soprattutto per via della presenza di migliaia di plugin perfetti per potenziare le funzioni del vostro portale, e per darvi la possibilità di gestirne aspetti davvero molto complessi e approfonditi. Ma un plugin risulta del tutto inutile, se non aggiornato alla sua ultima versione: alcune sue funzioni potrebbero essere oramai obsolete, oppure non più compatibili con l’ultima release di WordPress che avete installato di recente. Quando questo accadrà, dovrete imparare come aggiornare un plugin WordPress.

Perché aggiornare un plugin WordPress?

Prima di vedere come aggiornare un plugin su WordPress, dovete capire perché è importantissimo farlo. Innanzitutto, un plugin non aggiornato potrebbe non funzionare correttamente, o non funzionare per nulla: e voi potreste accorgervene solo molto tempo dopo, danneggiando la vostra attività sul web. Inoltre, un plugin non aggiornato potrebbe contenere dei bug a livello di codice potenzialmente letali per la sicurezza del vostro sito in WordPress: spesso, infatti, gli aggiornamenti servono esattamente per porre rimedio a queste falle. Da aggiungere poi che le nuove versioni di WordPress potrebbero rendere obsoleti i plugin, rendendoli dunque inutilizzabili: non è detto che verrà mai prodotto un aggiornamento, ma controllare non costa davvero nulla.

Come aggiornare i plugin WordPress?

Adesso che sapete quanto è importante aggiornare i plugin di questo CMS, vi starete chiedendo come farlo. Esistono diversi modi per effettuare l’aggiornamento, ed ognuno di essi risulta essere comodo e davvero poco impegnativo. Potreste ad esempio controllare quali plugin necessitano di un aggiornamento, semplicemente entrando sul vostro pannello di controllo e verificando la presenza di un pallino rosso accanto alla voce “Aggiornamenti”, all’interno del quale troverete il numero delle estensioni che necessitano di aggiornamento. Cliccando sulla voce, potrete sin da subito installare la nuova versione.

In alternativa, potete anche cliccare sulla voce “Plugin”: qui troverete la lista completa di tutte le estensioni che avete installato su WordPress. Al suo interno, scorrendo la pagina, potrete facilmente individuare i plugin che necessitano di aggiornamento, dato che vengono segnalati piuttosto chiaramente da un alert di colore giallo. Infine, potrete ottenere lo stesso risultato cliccando nuovamente su “Plugin” e controllando la sezione “Aggiornamento disponibili”, collocata in alto a destra: cliccando sul pulsante, la pagina vi mostrerà esclusivamente le estensioni per le quali sono disponibili le versioni aggiornate.

Aggiornamento plugin su WordPress: altre cose da sapere

Posto che gli aggiornamenti sono spesso indispensabili per utilizzare un’estensione su WordPress nel modo corretto, va anche detto che aggiornare un plugin WordPress non è sempre una scelta azzeccata. Alle volte, infatti, gli aggiornamenti non sono strettamente necessari, in quanto non collegati alla risoluzione di bug o all’adeguamento alla nuova versione di WordPress: potrebbe ad esempio capitare che i suddetti aggiungano dei banner pubblicitari, o delle altre cose che avrebbero l’unico risultato di appesantire il vostro CMS, e dunque di rallentare il vostro sito web. Prima di aggiornare un plugin, dunque, vi consigliamo di visionare la scheda informativa per capire quali modifiche verranno effettivamente inserite all’interno del nuovo add-on.

2 ottobre 2017
Vai alla barra degli strumenti